PROGETTO RETE FERRO - TRAMVIARIA MILANO
:::::::: Cartina progetto rete Metro-Ferro-Tramviaria area urbana Milano ::::::::

:::::::: Cartina dettaglio protezione rete Tramviaria ( Sedi Riservate, Preferenziali etc ) ::::::::

:::::::: Cartina tecnica rete Tramviaria ( Depositi, Rete di servizio, Anelli ) ::::::::

:::::::: Cartina estensione rete Tramviaria ( Rete Pre-esistente, EX-NOVo, Dismessa ) ::::::::

:::::::: Caratteristiche Linee: Capolinea, Tipologia, Vetture [ MT.xls ] ::::::::

La domanda di mobilità all’ interno dell’ area metropolitana di Milano è in costante aumento negli ultimi 30 anni.
Questo aumento ad ora è stato colmato in larga parte tramite il ricorso dei singoli ai mezzi privati, per lo piu’ autoveicoli.

Se pur va riconosciuto che l’ infrastruttura di Trasporto Pubblico ( TPL ) Milanese è probabilmente la migliore in Italia, è necessario potenziarla per far fronte a questo crescente aumento di domanda.

L’ attuale modello non è piu’ praticabile in ragione di:
- Collasso Viabilistico. il massivo ricorso ad autoveicoli privati fa si che le principali arterie cittadine e metropolitane siano sempre intasate, con tempi di percorrenza eccessivi ( anche 1h x pochi Km ).

- Sostenibilità Ambientale. come noto la presenza di polveri sottili ( PM10 etc ) fra le principali cause di malattie respiratori e altre patologie, è direttamente proporzionale alla quantità di veicoli circolanti.

- Posti Auto. l’ intero territorio cittadino e metropolitano è saturo per quanto riguarda la disponibilità di posti auto, va considerato che è ampiamente tollerata la sosta irregolare dove questa non costituisce intralcio e risulta comunque una bassisima disponibilità di parcheggio su tutta l’ area.

- Impatto economico. il costante aumento dei carburanti unito all’ aumento delle spese per il mantenimento di un autoveicolo incidono significativamente sul bilancio dei singoli.

Come premesso è necessario potenziare l’ infrastruttura di TPL, va quindi aumentato il numero di passeggeri trasportabili, La copertura del TPL, l’ efficenza (Velocità Commerciale, Frequenza, Orari ).


Come raggiugere questi obbiettivi ?

- Estensione rete MM: Completamento Linea 5, Completamento Linea 4, Estensione linee 1 ( ramo Bisceglie ) oltre tang. Ovest, Estensione Linea 2 ( ramo Cologno ) fino a Vimercate, Estensione Linea 3 fino a Pantigliate, valutare una linea Metropolitana tangenziale inteperiferica in Brianza e nell’ area Rhodense.

- Estensione rete Ferroviaria Suburbana/Urbana: Creazione di un ramo “Ovest” del passante ferroviario che congiunga la cintura ferroviaria da S.Cristoforo a Certosa interconnetondosi con la rete MM in modo da poter aumentare ulteriormente la frequenza della rete Suburbana, creare una rete U-Bahn.

- Potenziamento / Modernizzazione rete Tramviaria: Sul modello delle città Nord Europee con cui Milano a molti punti in comune riguardo la conformazione e struttura. potenziare e modernizzare la sua rete tramviaria estendendola, proteggendola e creando un infrastruttura interconessa e complementare al Ferro Pesante ( MM e Ferroviario ).
Cartina progetto rete Metro-Ferro-Tramviaria area urbana Milano

Erroneamente si tende spesso a paragonare Milano a città Quali Londra, NY, Parigi e la loro rete metropolitana a quella cittadina, facendo confronti sul numero di linee ed estensione KM.
Confronti che sono fine a se stessi se rapportiamo l’ estensione della rete metropolitana all’ area cittadina, ( Londra 1.572,15 Km2, New York 1.214 Km2, Parigi 762 Km2 ) contro i 181,76 Km2 di Milano.
La rete MM Milanese per tanto non è inadeguata come ritenuto, sopratutto in previsione del completamento delle due nuove linee 5 e 4, come già descritto ci sono cmq margini per espanderla maggiormente, sopratutto nell’ Area della “Grande Milano” ma non dentro i confini dell’ attuale comune di Milano.
Un paragone coerente andrebbe invece fatto con città nord/centro europee ( Amsterdam, Dusseldorf, Stoccarda, Vienna, Zurigo ) che per dimensione e conformazione hanno molti piu’ punti di contatto con Milano. Queste città hanno sviluppato una rete Metro Ferro Tramiviaria integrata dove la rete tramiviaria riveste un ruolo portante nel sistema di TPL cittadino.

Va ricordato che il Tram offre i seguenti vantaggi rispetto al trasporto su gomma.

- Elevata capacità di carico
- Separazione da traffico su gomma, grazie a sedi tramviarie riservate.
- Possibilità di esercizio in Gallerie o Sopraelevate.
- Maggiore velocità commerciale.
- Continuità di esercizio in codizioni climatiche avverse ( Neve etc ).
- Zero Emissioni


Queste caratteristiche, unite all’ ausilio di preferenziazione semaforica e corsie preferenziali / zone a traffico limitato ( ove non è possibile ricorrere a sedi tramiviare riservate ) permette di creare una rete tramviaria fortemente svincolata dal traffico privato con un alta efficenza che va ad integrarsi con il “Ferro Pesante” ( MM e Treno ) svolgendo il duplice ruolo di collettore verso quest’ ultimo, e di alternativa su collegamenti diretti o tangeziali, offrendo una capillarità che non può essere raggiunta dalla rete MM o TN, con dei costi di esercizio e costruzione nettamente inferiori rispetto a quelli della rete MM.
L’ attuale rete Tramviaria milanese non risponde a queste caratteristiche, per la sua estenzione, separazione assente / inadeguata dal resto del traffico in ampi tratti, assenza di preferenziazione semaforica e in larga parte anche per una serie di norme adotatte da ATM stessa che ne inficiano l’ efficenza.

Come premesso è pertanto necessario potenziarla procedendo come segue:

Estensione della rete: lungo le direttrici esistenti centro / periferia, linee di circonvallazione, linee tangenziali, linee interperiferiche.
Cartina estensione rete Tramviaria ( Rete Pre-esistente, EX-NOVo, Dismessa )

Protezione della rete: Ovunque sia possibile ricorre a sedi tramviare riservate ( adeguando gli impianti se già esistenti ) anche con l’ ausilio di gallerie sottorrane o sedi sopraelevate. Laddove non è possibile installare una sede riservata, si dovrà intervenire con una corsia preferenziale o una zona a traffico limitato nell’ ottica di fornire sempre la maggior separazione disponibile dal traffico su gomma e privato. Introdurre su tutta la rete una adeguata preferenziazione semaforica ed eseguire interventi sulla viabilità dove necessario ( inclusi gli attraversamenti pedonali ) al fine di ridurre al minimo l’ interferenza sulla circolazione tramviaria.
Cartina dettaglio protezione rete Tramviaria ( Sedi Riservate, Preferenziali etc )

Modernizzazione: fornire la migliore integrazione con la rete MetroFerroviaria, sia a livello di interscambio a livello di fermata che come connessioni. Rivedere le geometrie della rete al fine di rendere la circolazione piu’ fluida possibile ed usufruire della piu’ alta velocità erogabile in sicurezza. ovunque sia possibile creare fermate “unificate” di collegamento codivise da diverse linee transitanti nei punti di incrocio, per favorire il cambio da una linea all’ altra.
Cartina tecnica rete Tramviaria ( Depositi, Rete di servizio, Anelli )

Fluidità: rivedere la distribuzione delle fermate, eliminando dove necessario quelle troppo ravvicinate ( vedi ad esempio l’ asse Cso Pta Vittoria – XXII Marzo – Corsica ) .
:::::::::::::::::::::::::::::::::: Info : ozak@libero.it ::::::::::::::::::::::::::::::::::